X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Festival di Venezia 2016, film classici restaurati per una retrospettiva unica

29/08/2016 12:22
Festival di Venezia 2016 film classici restaurati per una retrospettiva unica

Al Festival di Venezia 2016 concorrono anche film classici restaurati, da Woody Allen a Howard Hawks, Luigi Comencini e Dino Risi

Il Festival di Venezia propone quest’anno la visione di film classici restaurati, in una retrospettiva di pellicole restaurate che si delinea come una delle più interessanti, tanto da consolidarsi come Festival a se stante.

Uno dei film più attesi è “Tutti a casa” (“Everybody Go Home!”, 1960) di Luigi Comencini. Restaurato da Filmauro e CSC-Cineteca Nazionale, il film racconta del tenente Innocenzi (Alberto Sordi) che l’8 settembre 1943 - giorno dell’Armistizio - deve trattenere il reggimento dal desiderio di tornare alla propria vita. Resta in compagnia di pochi soldati, con loro si dirige verso sud e verso i rispettivi luoghi d’origine, tra difficoltà che mostrano come la fine della guerra sia ancora lontana. Il restauro è stato realizzato in 4k partendo dai negativi originali.

Di Dino Risi sarà proiettato “Profumo di donna” (“Scent of a Woman”, 1974), vicenda del capitano Fausto Consolo divenuto cieco dopo un incidente avvenuto durante un’esercitazione militare: in viaggio da Torino a Napoli per visitare un commilitone, si fa accompagnare da un giovane attendente. A Napoli incontra Sara, da sempre innamorata di lui.

La commedia più attesa è “Manhattan” (1979) di Woody Allen, con il quarantaduenne Davis fidanzato con una diciassette, una ex moglie lesbica che compie un libro verità sul loro matrimonio. Tra nevrosi e finti pentimenti, inizia una relazione con l’amante del suo miglior amico. Il restauro è curato da Park Circus e Metro Goldwyn Mayer.

“The Brat" (“La trovatella”, 1931) di John Ford racconta di uno scrittore di romanzi a sfondo sociale che aiuta una giovane in difficoltà, sperando di trarne ispirazione per il nuovo libro. I familiari dell’autore devono affrontare la convivenza. Il film è restaurato da The Museum of Modern Art e The Film Foundation.

“Twentieth Century” (“XX secolo”, 1934) di Howard Hawks è incentrato ad a Broadway, dove un impresario egocentrico sottopone la commessa Mildred Plotka - attrice dilettante - a estreme sedute di prove trasformandola in una diva del palcoscenico. La donna però è stanca del rapporto corroso con l’uomo e si trasferisce ad Hollywood, mandando in crisi la carriera dell’impresario.

“I sette samurai” (1954) di Akira Kurosawa vede dei briganti intenti a saccheggiare un villaggio: gli abitanti per difendersi assoldano alcuni samurai, organizzando una estrema difesa. Il restauro è curato da Toho.

“An American Werewolf in London” (”Un lupo mannaro americano a Londra”, 1981) di John Landis s’incentra su David e Jack, studenti universitari americani in viaggio in Gran Bretagna assalita da un lupo mannaro. David sopravvive al morso ma è perseguitato da incubi in cui appare l’amico mutilato, il quale lo avverte che diventerà un lupo mannaro. S’innamora dell’infermiera che tenta di di difenderlo dalla mutazione. Il restauro è curato da Universal Studios.

“Le voleur” (”Il ladro di Parigi”, 1965) di Louis Malle ha una trama che s’incentra su Georges Randal, orfano che ruba i gioielli di famiglia del fidanzato della cugina lasciandolo nullatenente. Georges comincia così a rubare case dei ricchi: pur avendo ormai ricchezza e una bella compagna, non riesce a smettere di rubare. Il restauro è di Gaumont.

“L’argent" (“Il denaro”, 1983) di Robert Bresson, su Yvon che consegna gasolio per il riscaldamento: quando è pagato con una banconota falsa - usata poi per una consumazione al bar - è scoperto, perdendo il lavoro e partecipando ad una rapina. Finisce i giorni da omicida psicopatico.

Tra gli altri restauri, “La battaglia di Algeri” (1966) di Gillo Pontecorvo, “Break up - L’uomo dei cinque palloni” (1965) di Marco Ferreri, l’atteso “Dawn of the Dead – European Cut [Zombi]” di George A. Romero, “Oci Ciornie” (1987) di Nikita Michalkov, “The Ondekoza” (1979) di Kato Tai, “Opfergang” (1942) di Veit Harlan, “Pretty Poison” (1968) di Noel Black, “Processo alla città” (1952) di Luigi Zampa, “Shabhaye Zayandeh – rood” (1990) di Mohsen Makhmalbaf, “Shanzhong Chuanqi” (“La leggenda della montagna”, 1979) di King Hu e “Stalker” (1979) di Andrej Tarkovskij.

Una Giuria di studenti - presieduta dal regista Roberto Andò - assegnerà i premi Venezia Classici per il miglior film restaurato, e per il miglior documentario sul cinema.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Full Metal Jacket, l'attore Matthew Modine incontrerà il pubblico

Il film di Stanley Kubrick “Full Metal Jacket” aprirà quest'anno il Festival HollyShorts che si tiene a Los Angeles. L’evento inizierà il 10 agosto e per l’occasione del trentesimo anniversario del film di Stanley Kubrick sarà presente l’attore Matthew Modine, che parteciperà ad un speciale...

 

Michelle Rodriguez, è una vedova rapinatrice nel nuovo film 'Widows'

Michelle Rodriguez sarà una vedova esperta in rapine nel nuovo film “Widows”, tratta dall’omonima serie andata in onda nel 1983 e 1985. L’attrice è apparsa da poco in “Fast & Furious 8” e nei quattro film precedenti, nel ruolo di Letty Ortiz, moglie fedele di Dominic Toretto. Ha lavorato in &ld...

 

Film più visti della settimana, 'Dunkirk' svetta al primo posto

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 21 al 23 luglio 2017 vede svettare al primo posto la novità “Dunkirk” (50.500.000 dollari, leggi l’intervista): la storia è quella dell’operazione Dynamo, con cui nel 1940 si effettuò l’evacuazione delle truppe inglesi e franco-belghe da...

 

L'arte digitale, inserire il tempo nelle immagini: intervista all'artista San Base

San Base è uno dei maggiori esponenti dell’arte digitale. L’artista ha perfezionato un nuovo tipo di arte, chiamata Generative Art in cui l'opera artistica nasce da un software, che rielabora continuamente un’immagine iniziale. Questa rielaborazione viene poi spesa al muro, con uno schermo LCD o al plasma. Il risultato &egr...

 

Recensione del film Past Life, il dramma familiare apprezzato dalla critica

“Past Life” è un film di Avi Nesher, uscito negli Stati Uniti dopo essersi fatto apprezzare nel circuito dei festival indipendenti. Il film si apre nel 1977 a Berlino Ovest, dove Sephi (Joy Rieger), una cantante e aspirante compositrice israeliana, spicca come solista durante l’esibizione del coro della sua accademia. Dopo...

 

Bright, prime immagini del film crime con Will Smith

Bright è il film crime e fantasy di David Ayer il cui trailer è stato presentato al San Diego Comic-On. La trama si svolge in un mondo alternativo moderno, dove da secoli convivono esseri umani, orchi, elfi e fate. Scott Ward (Will Smith) è un un ufficiale di polizia che fa coppia con il primo poliziotto Orco (Joel Edgerton), ...

 

Il fantasma e la signora Muir, il sogno di un amore nel film classico di Joseph L. Mankiewicz

Il fantasma e la signora Muir (“The Ghost and Mrs. Muir”) è il film di Joseph L. Mankiewicz che usciva nelle sale statunitensi in queste settimane. A Londra alla fine dell’800 la giovane vedova Lucy Muir (Gene Tierney) si trasferisce nel villaggio di Whitecliff, vicino al mare nonostante la disapprovazione della suocera An...

 

Proud Mary, prime immagini del film sull'assassina professionista

Taraji P. Henson appare nel primo trailer del film thriller "Proud Mary”, film di Babak Najafi. Nelle immagini la protagonista Mary, una spietata assassina professionista, che incontrando un giovane ragazzo scarpe di avere un istinto materno finora sconosciuto. Nelle immagini inizialmente si allena, si trucca, poi indossa un giubbotto di pel...

 

Recensione del film Finding Oscar, la luce sul genocidio elogiata dalla critica

Finding Oscar è il film documentario di Ryan Suffern, uscito nella sale statunitensi e accolto in maniera positiva dalla critica. Il film è disponibile anche in Video on Demand. Nel documentario lo stesso presidente Reagan appare mentre dà la mano al presidente e militare guatemalteco Efraín Ríos Montt, che giust...

 

Glass, M. Night Shyamalan svela il sequel di Unbreakable e Split

Con l’annuncio del suo prossimo film, “Glass”, M. Night Shyamalan è riuscito ancora una volta a spiazzare tutti; un colpo di scena degno delle migliori pellicole del regista di origini indiane, annunciato da quest'ultimo lo scorso aprile con una serie di messaggi su Twitter, e che dà finalmente una risposta a tutti i...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni